Canalizzazioni schermanti

CANALIZZAZIONI SCHERMANTI

Realizzate sia per la posa aerea di cavi che per la posa interrata di elettrodotti , progettate su disegno con specifiche prestazioni in conformità agli obiettivi da raggiungere. Per la loro particolarità sono sempre pre-collaudate secondo protocolli definiti con il Cliente.

canalette schermanti

 

 

canalette schermanti

Un esempio pratico: La schermatura di un elettrodotto interrato.

L'obiettivo è la verifica della configurazione G-iron® necessaria alla riduzione dell’induzione, generata da 3 conduttori a trifoglio (L=200 mm) con I=870 A (elettrodotto interrato), tale da ottenere un valore schermato pari o inferiore a 3 μT misurato a 2.500 mm di distanza dal piano di appoggio.
Innanzitutto, si realizza un modello in scala 1:1 simulando i conduttori dell’elettrodotto con barre di alluminio d=50 mm lunghe 3000 mm cortocircuitate ad una estremità con un'apposita piastra in alluminio spessa 3 mm. La configurazione, richiesta dal Cliente, deve riprodurre la condizione nella quale i conduttori sono posati all’interno di tubi in materiale plastico d=200 mm.
Il circuito è alimentato da un trafo 400/4 Vac con variac al primario 0/400 Vac, la corrente in uscita è
regolabile da 10 A a 2000 A

Si identificano i Mark di riferimento tutti alla distanza di collaudo pari a 2.500 mm da «fondo trincea»:
Mark1: perpendicolare all’asse della linea
Mark2: a 500 mm dall’asse
Mark3: a 1.000 mm dall’asse
Mark4: a 1.500 mm dall’asse

Per le rivelazioni si utilizza uno strumento EFA 300 di Narda STS corredato di sonda esterna, entrambi con certificato di taratura in corso di validità.
L’interfacciamento al pc di controllo è garantito con fibra ottica, lo strumento è controllato in remoto con software dedicato EFA Remote sempre di Narda STS.
Prima di alimentare il circuito e procedere con il test vengono effettuate le schermature preventive della linea di alimentazione al fine di contenere l’influenza dei flussi dispersi dai cavi, allo stesso modo si interviene anche sul trafo.

canalette schermanti

schema schermature

Nella foto a lato è visibile il set di misura con la linea di alimentazione schermata ed il supporto dello strumento di rivelazione, in legno, connesso con fibra ottica ai PC di controllo.

Prima dell’inizio del test si definiscono le correnti di riferimento per realizzare una curva di attenuazione:
I1=290 A
I2=580 A
I3=870 A valore di collaudo
La verifica della corrente avviene con apposito TA installato su una fase.
Per ogni Mark di riferimento si realizzano 3 prove a valori diversi di corrente

Si ripetono le misure con gli stessi parametri utilizzati in campo libero per la configurazione schermante/ognuna delle configurazioni schermanti previste al fine di confrontare i valori di induzione schermata per ogni Mark corrispondente.

I risultati dei test evidenziano quali configurazioni sono più performanti per lo specifico progetto, permettendo così al Cliente di poter scegliere la soluzione più congeniale alle sue necessità.
Risulta evidente che possono essere «elaborate» diverse combinazioni di G-iron® in funzione dell’esigenze: si potranno sviluppare soluzioni ancora più prestazionali per correnti maggiori oppure soluzioni finalizzate a garantire il rispetto del target a distanze minori.

laboratorio G-iron

Approfondimenti e tematiche

I campi magnetici ed elettromagnetici.  Analisi e studi epidemiologici effettuati sui vari casi

Leggi gli articoli